Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Cosa fare del nostro passato militare? Una storia di memoria, fascisti e Maiali

di Davide Maria De Luca

La marina italiana era al servizio del regime fascista e impegnata in una guerra di aggressione al fianco del regime nazista. È possibile celebrare un simile evento militare? E con che toni si può farlo? E cosa dice di noi il modo in cui lo facciamo?

Il Maiale era un siluro modificato per operazioni speciali utilizzato con successo nella Prima e nella Seconda guerra mondiale FOTO G. DALL’ORTO

La notte del 19 dicembre 1941, sei sommozzatori italiani entrarono silenziosamente nella baia di Alessandria d’Egitto per colpire la flotta britannica contro cui l’Italia fascista combatteva da un anno. I sei uomini viaggiavano a coppie di due seduti a cavalcioni di tre siluri modificati. Queste armi originali avevano un nome molto poco guerresco: per via della forma tozza e sgraziata, i piloti li chiamavano “Maiali”.

Quella notte, i sommozzatori depositarono le loro cariche esplosive e la mattina dopo due navi da battaglia e una petroliera saltarono in aria. Fu probabilmente la singola operazione militare italiana di maggior successo compiuta in tutta la Seconda guerra mondiale. «In una notte, il mar Mediterraneo divenne un lago dell’Asse e la Marina italiana ne divenne la forza dominante», hanno scritto gli storici P. J. Carisella e William Schofield. I marinai che la compirono diedero prova di grande capacità tecnica e corsero un rischio elevatissimo, furono catturati tutti e sei. L’operazione entrata negli annali della storia militare ed è stata ammirata e imitata dalle marine di tutto il mondo. Ma la causa per cui quei marinai combattevano non era una causa nobile. La marina italiana era al servizio del regime fascista e impegnata in una guerra di aggressione al fianco del regime nazista. È possibile celebrare un simile evento militare? E con che toni si può farlo? E cosa dice di noi il modo in cui lo facciamo?

L’incidente

La Marina militare italiana ha fornito in questi giorni una risposta parziale a queste domande. Nelle ultime settimane, sul suo sito ufficiale sono comparsi diversi articoli che ricordano azioni militari compiute dalla Regia Marina tra il 1940 e il 1941. Mancano ancora nove mesi all’anniversario dell’attacco al porto di Alessandria, ma la Marina ha già celebrato quello dell’attacco alla Baia di Suda e quello della battaglia di Capo Matapan. I toni che ha scelto di usare sono quelli della celebrazione patriottica.

«Oggi ricorre una delle più grandi imprese compiute dagli uomini della X Flottiglia Mas: l’attacco alla Baia di Suda», è scritto in uno degli articoli, mentre la sconfitta di Capo Matapan «non ha comunque compromesso le capacità operative delle nostre Forze navali da battaglia, la cui determinazione a combattere è sempre rimasta immutata».

Gli articoli hanno fatto discutere molto sia per il tono enfatico che per l’assenza di qualsiasi riferimento critico o di contesto storico. Non si parla né di regime fascista, né di guerra di aggressione. Gli eventi bellici sono trattati come atti astratti e senza tempo. La pubblicazione di questi articoli non è stata un errore o una svista. Dopo le polemiche scoppiate sui social, la Marina ha rivendicato le celebrazioni sottolineando che quegli eventi sono «esempio di coraggio, capacità e tecnica, al servizio delle istituzioni». Ma non viene ricordato da nessuna parte che le “istituzioni” erano il regime fascista e i “servizi” azioni militari compiute nel corso di una guerra di aggressione.

La memoria

Celebrare la memoria del passato militare è sempre problematico. Lo è ancora di più per quei paesi che durante la Seconda guerra mondiale hanno combattuto dal lato del Fascismo e del Nazismo. In Germania, la questione è stata risolta in maniera netta. «Le vittorie militari non sono ricordate in Germania, né dalle forze armate né da qualsiasi altra istituzione pubblica – dice il professor Sönke Neitzel, esperto di storia militare che insegna all’università di Potsdam – La memoria della Seconda guerra mondiale è dominata dalle atrocità commesse dalla Germania e dal regime nazista».

Neitzel dice di non aver mai visto articoli come quelli comparsi sul sito della Marina militare italiana. «Sarebbe impossibile che il prossimo 24 maggio la Marina tedesca celebrasse gli 80 anni dall’affondamento dell’incrociatore britannico Hood».

E l’Italia

In Italia la situazione non potrebbe essere più differente. «Penso che nel nostro paese ci sia un rapporto molto “spensierato” con la memoria del Fascismo e della Seconda guerra mondiale», dice Eric Gobetti, uno storico da tempo impegnato in una difficile operazione di “restaurazione” della memoria. Il suo ultimo libro, E allora le Foibe?, pubblicato lo scorso febbraio da Laterza, è un tentativo di riportare una luce storica su una vicenda, quella del confine orientale, che nel tempo è stata distorta per ragioni politiche. «Questo caso della Marina militare – prosegue Gobetti – denota una memoria sostanzialmente agiografica della partecipazione alla guerra mondiale che sarebbe impensabile in Germania». È un atteggiamento, spiega, che si avvicina di più a quello di paesi come Polonia o Ucraina, dove «come da noi nel caso delle Foibe, è in corso la creazione di una “verità di stato autoassolutoria” sui temi della seconda guerra mondiale».

Lo stato di conservazione della memoria nazionale è un po’ come un termometro. Il modo in cui ricordiamo il passato ci dice qualcosa sul nostro presente. Il governo polacco che impone una versione della storia che assume il paese da ogni responsabilità, ad esempio, è lo stesso che cerca di chiudere i media vicini all’opposizione e tenta da anni di mettere sotto controllo la magistratura indipendente. «Mi chiedo – conclude Gobetti – può uno stato democratico fondato sui valori dell’antifascismo, incarnati nella nostra Costituzione, premiare con una medaglia coloro che hanno combattuto, nel 1941 ad Alessandria d’Egitto come nel 1944 in Istria e Dalmazia, dalla parte del nazismo, dalla parte di chi portava avanti la volontà di opprimere e sterminare interi popoli?».

Un ammonimento

Posta in questi termini la questione trascende i singoli articoli pubblicati in queste settimane dalla Marina militare. Non è una vicenda che ha al centro qualche paragrafo scritto con forse troppa leggerezza dall’ufficio stampa di un corpo militare. Il punto è piuttosto riflettere sul fatto che questo modo edulcorato, sanificato e atemporale di guardare alla storia è evidentemente divenuto parte del modo di pensare di un’istituzione, come la Marina militare, che dovrebbe essere tra le ultime a dimenticare il suo ruolo e le sue responsabilità. E se i militari e la politica ricordano la storia in questo modo, come possiamo pensare che le persone comuni e le nuove generazioni in particolare, lo facciano in modo diverso? 

Domani, 1 aprile 2021