Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

 

Apologia di fascismo: una condanna salutare

di Maurizio Viroli

La recente sentenza della Corte di Cassazione che ha confermato la condanna ai neofascisti che nel corso di una pubblicamanifestazione hanno esibito il saluto romano e intonato “presente”, è a mio giudizio una delle rare perle di correttezza giuridica e costituzionale, e di saggezza politica, che di questi tempi abbiamo la possibilitàdi apprezzare, e per questo merita un commento più approfondito di quelli che i giornali le hanno dedicato.

C’è una Costituzione, per fortuna, che contiene una norma finale (XII) – non transitoria – che recita: “È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”; c’è la legge 645/1952 che ne da attuazione e recita: “Ai fini della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione, si ha riorganizzazione del disciolto partito fascista quando una associazione o un movimento persegue finalità antidemocratiche proprie del partito fascista, esaltando, minacciando o usando la violenza quale metodo dilotta politico o propugnando la soppressione delle libertà garantite dalla Costituzione o denigrando la democrazia, le sue istituzioni e i valori della Resistenza o svolgendo propaganda razzista, ovvero rivolge la sua attività alla esaltazione di esponenti, principi, fatti e metodi propri del predetto partito o compie manifestazioni esteriori di carattere fascista”. E all’art. 5 specifica che “chiunque con parole, gesti o in qualunque altro modo compie pubblicamente manifestazioni usuali al disciolto partito fascista è punito con l’arresto fino a tre mesi o con ammenda”. C’è la legge 152/1975 che qualifica le espressioni esteriori evocativedel disciolto partito fascista e ne sottolinea il carattere lesivo per l’ordinamento democratico. Se dei cittadini esaltano pubblicamente con parole e gesti il fascismo o ne imitano i rituali devono dunque essere puniti.

COMPRENSIBILE e seria la preoccupazione di antifascisticome Angelo d’Orsi (La Stampa, 13 settembre) che teme una sorta di “panpenalismo” e sostiene che “la dialettica politica deve essere libera finché non sfoci nella violenza, praticata o incitata; e il giudizio sul fascismo, sul comunismo, sul negazionismo e sul razzismo, deve essere lasciato dai magistrati agli studiosi”. Ma non condivisibile per tre ordini di ragioni. La prima è che se c’è una legge, bisogna farla rispettare. La differenza fondamentale fra una repubblica seria e una repubblica da operetta consiste appunto nel fatto che la prima applica le sue leggi e la seconda no. Una sentenza che discende dall’applicazione rigorosa e corretta della legge va dunque lodata e non biasimata. La seconda è che le manifestazioni fasciste, di qualsivoglia natura, offendono la coscienza morale di chi crede nella dignità della persona umana, il valore supremo del nostro ordinamento costituzionale.

Poiché offende vanno punite. La terza è che in Italia non possiamo tollerare, prendere alla leggera, sottovalutare il pericolo di una recrudescenza e rafforzamento di movimenti neofascisti, come dimostrano gli esempi tratti dalla cronaca quotidiana.

La storia poi insegna che il movimento fascista ascese al governo del Regno d’Italia grazie alla stupidità e vigliaccheria delle classi dirigenti liberali, oltreché all’irresponsabilità dei socialisti massimalisti e dei comunisti e alla codardia di Vittorio Emanuele III. Le rarissime volte che le squadre fasciste sono state affrontate dai Regi Carabinieri, o da cittadini con poca paura, come nel caso di Emilio Lussu (si legga il suo Marcia su Roma e dintorni) se la sonodate a gambe. Saggezza consiglia, dunque, che pecombattere il neofascismo è necessaria la più assoluta intransigenza nel punire secondo la legge, e senza violenza illegale anche le più piccole manifestazioni di esaltazione del fascismo. L’Italia è diventata un paese anti-antifascista più che antifascista, senza memoria storica, indifferente. Una sentenza come quella che sto discutendo ove la si facesse conoscere e la si commentasse, avrebbe un benefico effetto di pedagogia civile. E potrebbe incoraggiare una svolta nell’atteggiamento dei pubblici poteri nei confronti delle manifestazioni neofasciste, a cominciare dall’indegna adunata che si terrà come ogni anno attorno al 28 ottobre a Predappio per esaltarela marcia su Roma. Sono anni, mi sia permesso un riferimento personale, che segnalo quella vergogna, chissà che ora altre e più autorevoli voci si facciano sentire.

IL Fatto Quotidiano 20.09.2014