Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

newspapers1.jpg

Una selezione degli articoli sulla mostra sulla stampa e online 

 

Il servizio del TG3 Puglia firmato Costantino Foschini

{youtube}JD_RzL-4gos{/youtube} 

 

Il servizio di TRM firmato Antonio Ferrante 

{wmvremote}mms://192.106.107.138/datacontact/13_12_07/13_12_07_af.wmv{/wmvremote} 

 

 corriere-mezzogiorno-12122007.jpg
Corriere del Mezzogiorno 12/12/2007

gazzetta-mezzogiorno-121207.jpg
Gazzetta del Mezzogiorno 12/12/2007

repubblica-121207.gif
Repubblica 12/12/2007


19-12-07-barisera.gif
Bari Sera 19/12/2007


corriere-mezzogiorno-271220.gif
Corriere del Mezzogiorno 27/12/2007

 

ADN Kronos 10/12/2007
MOSTRE: PUGLIA, ESPOSIZIONE SU 'MERIDIONALISTÀ TOMMASO FIORE SINDACO DI ALTAMURA

(Adnkronos) - Scoprire e approfondire nuovi aspetti della personalità e dell'attività di Tommaso Fiore, uno degli esponenti più importanti del meridionalismo italiano: è l'obiettivo della mostra fotografica, documentaria e storica, promossa e organizzata dall'associazione culturale 'Il Circolo delle Formichè, in collaborazione con l'Assessorato al Mediterraneo-Settore Attività Culturali della Regione Puglia e l'Ipsaic (Istituto Pugliese per la Storia dell'Antifascismo e dell'Italia Contemporanea), che si apre mercoledì 12 dicembre ad Altamura, in provincia di Bari, città natale del saggista e scrittore. La mostra, curata da Giuseppe Dambrosio e Anna Gervasio, con la consulenza scientifica di Vito Antonio Leuzzi, ha come titolo 'Tommaso Fiore e Altamura. L'intellettuale, il politico, l'amministratorè. Si tratta di una delle prime mostre documentarie e iconografiche dedicata a Fiore che nel primo dopoguerra instaurò rapporti fecondi con Gobetti, Salvemini e altri personaggi illustri del meridionalismo e scrisse libri molto noti come 'Un popolo di formichè e 'Un cafone all'infernò, oltre a sviluppare una intensa attività pubblicistica e saggistica. Militante socialista prima e del Partito d'Azione nel secondo dopoguerra, Fiore subì anche il confino fascista a Ventotene. Fu anche traduttore di Virgilio, di Tommaso Moro e di Erasmo da Rotterdam. La mostra prende in considerazione un periodo poco conosciuto della sua attività, dal 1919 al 1924 e in particolare i due anni, dal '20 al '22, cruciali per la storia nazionale e locale, in cui l'intellettuale pugliese fu sindaco della cittàdi Altamura dove era nato nel 1884 (morì a Bari nel 1973). Fu anche consigliere provinciale dal 1920 al 1924. I curatori hanno attinto dagli Archivi del Comune e della Biblioteca Museo Civico di Altamura, dall'Archivio di Stato di Bari, da quello dell'Ipsaic, dalle Biblioteche Nazionale e 'Sagarriga-Visconti-Volpì di Bari, nonchè da alcuni fondi privati.
I materiali visionati (e rielaborati in un percorso di 15 pannelli) sono per la maggior parte inediti e indispensabili per ricostruire la figura di Tommaso Fiore, sindaco e amministratore, nel contesto dei rapporti politici ed istituzionali. L'esperienza della Giunta guidata da Fiore, finora poco contemplata negli studi relativi all'intellettuale meridionalista, getta luce sul suo progetto amministrativo, guardato con favore da amministratori, politici, professionisti ed intellettuali pugliesi dell'epoca. Insomma ne viene fuori il ritratto di un sindaco e un amministratore riformatore e illuminato del primo '900. L'inaugurazione è prevista alle 17 nella sala convegni dell'Archivio Biblioteca Museo Civico (portici di piazza Zanardelli) e vedrà la partecipazione del presidente del Consiglio regionale della Puglia Pietro Pepe, del sindaco di Altamura Mario Stacca, dell'assessore alla Cultura della Provincia di Bari Vittorino Curci e del consigliere regionale Michele Ventricelli. Interverranno l'assessore al Mediterraneo della Regione Silvia Godelli e il direttore dell'Ipsaic Vito Antonio Leuzzi. L'iniziativa, che si concluderà il 28 dicembre, gode del patrocinio, oltre che della Regione, anche della Provincia e del Comune di Altamura, dell'apporto dell'Archivio Biblioteca Museo Civico della città murgiana e del sostegno di alcuni sponsor. Inoltre, da oggi, è consultabile il sito internet www.tommasofiore.it, curato come la mostra per la parte grafica dall'art director Antonio Cornacchia.

 

ANSA. STORIA: DAL 12 DICEMBRE MOSTRA 'TOMMASO FIORE ED ALTAMURA
(ANSA) - ALTAMURA (BARI), 10 DIC - Sarà inaugurata il 12 dicembre, alle 17, nella sala convegni dell'Archivio biblioteca e museo civico (Abmc) di Altamura, la mostra dal titolo 'Tommaso Fiore e Altamura: l'intellettuale, il politico, l'amministratorè, promossa dal Circolo delle Formiche, in collaborazione con Regione Puglia, Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea (Ipsaic),
Comune e Provincia di Bari.
   All'inaugurazione parteciperanno, fra gli altri, il presidente del Consiglio regionale pugliese, Pietro Pepe, il
sindaco di Altamura, Mario Stacca, e l'assessore al Mediterraneo della Regione Puglia, Silvia Godelli.
   La mostra, curata da Giuseppe Dambrosio e Anna Gervasio, con la collaborazione di Vito Antonio Leuzzi, presidente dell'Ipsaic, sarà aperta fino al 28 dicembre tutti i giorni, tranne le domeniche e i festivi, dalle 9.00 alle 13.00 e dalle  16.00 alle 19.00.
   L'intento degli organizzatori è quello di ricostruire la figura di Tommaso Fiore, nel contesto dei rapporti politici ed istituzionali con la Provincia di Bari, la Regione Puglia e lo Stato italiano, fornendone il ritratto di un sindaco e un amministratore riformatore e illuminato del primo Novecento.
Vengono, inoltre, approfonditi i rapporti che Fiore ebbe con Piero Gobetti, Gaetano Salvemini ed altri intellettuali e politici, oltre alla sua attività pubblicistica, che lo vide impegnato nelle traduzioni di Virgilio, Tommaso Moro ed Erasmo da Rotterdam.
   In concomitanza con l'avvio della mostra, partirà anche il progetto del sito internet www.tommasofiore.it, curato per la parte grafica dall'art director Antonio Cornacchia, che riproporrà, attraverso un percorso interattivo, immagini e contenuti dell'esposizione.(ANSA).

 

30 dicembre 2007
Tommaso Fiore, in mostra ad Altamura
di Anna Maria Colonna
www.ilreporter.com

Chi è Tommaso Fiore? Che cosa ha fatto? Che cosa ha scritto? Questi alcuni degli interrogativi a cui la mostra documentaria e fotografica Tommaso Fiore e Altamura, inaugurata il dodici dicembre scorso presso la Sala Convegni A.B.M.C. di Altamura, ha cercato di rispondere.

Domande che richiedono studio e ricerca e che vogliono, in risposta, documenti e testimonianze veritiere, perché la storia, non solo quella degli uomini, ma anche quella di ogni singolo individuo, è fatta di tasselli che soltanto un lunghissimo ed attento lavoro può rimettere insieme.

La mostra, curata da Giuseppe Dambrosio e da Anna Gervasio (Associazione Culturale circolo delle formiche) e aperta al pubblico fino a oggi, ha presentato ai visitatori la figura poliedrica di Tommaso Fiore tramite i suoi libri, le lettere a lui indirizzate (tra cui quelle di Piero Gobetti), tramite le immagini, scatti di un tempo fermato nell’istante trascorso. Ma passato e presente nella storia si intrecciano.

Passato e presente convivono anche in questa mostra, poiché il passato rende i suoi servigi al presente mostrando il suo volto nel volto di Tommaso Fiore, ed il presente si rende servo del passato permettendogli di rivelarsi.

L’abile mano di un artista sembra aver dipinto il ritratto di questo personaggio cardine nella storia altamurana in ogni più minuzioso particolare, rendendo incantevole anche l’esposizione della sua opera d’arte: le luci soffuse della mostra creano un ambiente particolarmente bello, poesia che si libra tra le pagine della storia.

Un momento di arricchimento culturale, ma anche un input, affinché i cittadini altamurani (e non solo) conoscano ciò che è avvenuto prima per poter meglio vivere ciò che accade ora e ciò che accadrà dopo.

Lo stesso Tommaso Fiore, in Nascita di uomini democratici, scrive: “Il professore di latino, messi da parte Ovidio e Virgilio, si trovò impegnato a vivere in piazza dall’alba al tramonto”.

Proviamo anche noi, seppur per un’ora, a mettere da parte le nostre consuete occupazioni per ripercorrere la vita di chi ci ha preceduto: lo spirito con cui affronteremo la quotidianità sicuramente avrà un gusto diverso.

 

Link:

www.telebari.it

bari.repubblica.it 

www.lagazzettadelmezzogiorno.it

www.periodicofree.it

www.cannibali.it

www.notizie-online.it