Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

I SEMINARI ALLA RICERCA DEL BENE COMUNE DELLA SCUOLA POLITICA “TOMMASO FIORE" 2010 - 2011

reagire-all-omerta_1

Terza edizione del ciclo di seminari ALLA RICERCA DEL BENE COMUNE - Percorso di formazione per la cittadinanza attiva”, organizzato dal Circolo delle Formiche e con il sostegno della Società COBAR, nell’ambito di una scuola di formazione politica e amministrativa intitolata a Tommaso Fiore, il meridionalista altamurano per l'anno 2010 - 2011

Primo incontro: Reagire all'omertà, difendere il Bene Comune

Terzo anno di attività per la Scuola di Formazione Politica “Tommaso Fiore”, promossa dal “Circolo delle Formiche”

In un momento particolarmente tragico della storia della città di Altamura, scossa e ferita dagli ultimi episodi di criminalità organizzata, dalla crisi morale delle sue classi dirigenti e dalla perdita di credibilità dell’Assise comunale, ci pare importante riaffermare con forza il primato degli interessi generali su quelli particolari.

Negli incontri previsti per quest’anno, discuteremo di Legalità, di come si può e si deve combattere la criminalità organizzata, di come è necessario promuovere vera trasparenza e cultura delle regole nell’attività amministrativa, nella gestione degli appalti pubblici e nell’attività politica. La lotta alle mafie si combatte con la chiarezza e la determinazione, contrastando la cultura mafiosa, il malgoverno e la corruzione.

Sull’atavica piaga della corruzione, Tommaso Fiore ne “Il Cafone all’Inferno” afferma: La tragedia del Mezzogiorno è di non aver potuto spezzare il cerchio di corruttela che lo soffoca. E vuol dire di servitù politica. La maggior corruttela sta nel farsi servi e nel far gli altri servi”.

E a proposito della questione morale, Enrico Berlinguer, in una intervista rilasciata al quotidiano la Repubblica del luglio 1981, rilascia le seguenti affermazioni, di un’attualità sconvolgente: “Anzitutto molti italiani, secondo me, si accorgono benissimo del mercimonio che si fa dello Stato, delle sopraffazioni, dei favoritismi, delle discriminazioni. Ma gran parte di loro è sotto ricatto. Hanno ricevuto vantaggi (magari dovuti, ma ottenuti solo attraverso i canali dei partiti e delle loro correnti) o sperano di riceverne, o temono di non riceverne più. Vuole una conferma di quanto dico? Confronti il voto che gli italiani hanno dato in occasione dei referendum e quello delle normali elezioni politiche e amministrative. Il voto del referendum non comporta favori, non coinvolge rapporti clientelari, non mette in gioco e non mobilita candidati e interessi privati o di gruppo o di parte. E’ un voto assolutamente libero da questo genere di condizionamenti. Ebbene, sia nel 1974 per il divorzio, sia, ancor di più, nel 1981 per l’aborto, gli italiani hanno fornito l’immagine di un paese liberissimo e moderno, hanno dato un voto al progresso. Al Nord come al Sud, nelle città come nelle campagne, nei quartieri popolari e proletari. Nelle elezioni politiche e amministrative il quadro cambia, anche a distanza di poche settimane”.

Discuteremo ancora di sanità, e in particolare del perché l’ospedale della Murgia sia ancora un’opera incompiuta tra ritardi, burocrazia e zone d’ombra.

Ritorneremo a parlare di acqua, tema di struggente attualità, delle iniziative in atto per contrastare la privatizzazione di un bene che appartiene a tutti.

La scuola si va sempre più caratterizzando come un luogo libero, aperto al contributo di tutti, dalle formazioni già impegnate sulla scena politica ai mondi del volontariato, dell’associazionismo, della cultura e dell’economia. L’obiettivo che vogliamo continuare a perseguire è coinvolgere i cittadini, senza rivendicazioni e senza paletti precostituiti, in un progetto di formazione e partecipazione che diventi presidio di attenzione sul vivere civile della comunità locale nella quale è inserita. Non ci rassegniamo ad accettare l’esistente, siamo convinti che la partecipazione alla vita politica sia il solo modo di cambiare la realtà.

Il Presidente del Circolo delle Formiche

Prof.Giuseppe Dambrosio

 

Primo incontro:Reagire all'omertà, difendere il Bene Comune

Martedì 5 ottobre 2010

Istituto Regina Margherita (Porta Matera) - sala “Tommaso Fiore” – Altamura ore 19.00

Don Luigi Merola

Presidente della Fondazione di recupero minorile “A’ Voce d'è Creature" Onlus - Napoli

Alessio Dipalo

Giornalista – Radio Regio Altamura 

Coordina Giuliano Foschini (Giornalista - la Repubblica)

 

Percorso di formazione  per la cittadinanza attiva Scuola politica “Tommaso Fiore”

www.tommasofiore.it