Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

zanotelli.jpg

Ad Altamura un ciclo di incontri nel nome di Tommaso Fiore,
promosso dal Circolo delle Formiche e dall’Assessorato regionale al Mediterraneo.
Primo appuntamento sabato 15 novembre

ALLA RICERCA DEL BENE COMUNE

Percorso di formazione per la cittadinanza attiva

Ad Altamura un ciclo di incontri nel nome di Tommaso Fiore,
promosso dal Circolo delle Formiche e dall’Assessorato regionale al Mediterraneo.
Primo appuntamento sabato 15 novembre

In un momento in cui sembra prevalere l'individualismo più sfrenato, è importante riaffermare con forza il primato dei beni che appartengono a tutti e difenderli da chi vuole piegarli ad interessi di parte.

E’ questo l’obiettivo del ciclo di incontri organizzato ad Altamura dal Circolo delle Formiche, in collaborazione con l’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia e con il contributo di idee di altre associazioni cittadine, sul tema “Alla ricerca del Bene Comune”, nell’ambito della Scuola di formazione politica e amministrativa intitolata a Tommaso Fiore. Un argomento che verrà affrontato con personalità di rilievo del mondo accademico, del volontariato e del giornalismo sotto vari profili: il consumo consapevole, l’acqua, la salute, l’informazione e la criminalità, la società multiculturale, il rispetto delle regole della convivenza civile, i beni collettivi e i beni pubblici, un modello di sviluppo che privilegi le persone e non solo il mercato.

Il primo appuntamento è previsto sabato 15 novembre alle 18,30 nell’Istituto Regina Margherita di Altamura a porta Matera. Si discuterà di “Consumo consapevole, sobrietà e decrescita felice”, con Francesco Gesualdi (Centro Nuovo Modello di Sviluppo) e Aniello De Padova (Consorzio Costellazione Apulia). Introdurrà Pasquale Dibenedetto (Circolo delle Formiche). Coordinerà Raffaele Difonzo (Gruppo d’Acquisto Solidale Chiacchiereffrutt).

«La Scuola di Formazione Politica “Tommaso Fiore”, promossa dal “Circolo delle Formiche” – spiega il presidente dell’associazione Prof. Giuseppe Dambrosio – nasce dall’esigenza di formare un luogo di studio, incontro e confronto capace di ricostruire il desiderio di impegnarsi, capire, progettare ed elaborare modalità di convivenza e partecipazione civile e sociale alla vita locale e non. Un luogo che non persegue l’indottrinamento di partito ma lo sviluppo delle capacità critiche, rivolto non alle prossime elezioni ma alle prossime generazioni. Con questo percorso di formazione – aggiunge – si vuole stimolare la capacità di pensare, di interpretare criticamente le problematiche della società e vivere con partecipazione le forme di rappresentanza democratica. Una scuola di politica vista dunque come “arte di dirimere i conflitti”, interessarsi ai problemi delle persone e alle necessità della comunità e alle particolarità dell’Alta Murgia. In sintesi: i valori, la cultura e i luoghi in cui spese la sua attività politica e pedagogico-didattica Tommaso Fiore, a cui la Scuola è dedicata».

La scuola è stata pensata come luogo libero, aperto al contributo di tutti, dalle formazioni già impegnate sulla scena politica ai mondi del volontariato, dell’associazionismo, della cultura e dell’economia. L’obiettivo è coinvolgere i cittadini, senza rivendicazioni e senza paletti precostituiti, in un progetto di formazione e partecipazione che vada oltre le contingenti scadenze elettorali, che diventi presidio di attenzione sul vivere civile della comunità locale nella quale è inserita.

«L’obiettivo – sottolinea Dambrosio – è anche quello di combattere il provincialismo nostrano attraverso il confronto con personaggi ed esperienze significative nel panorama nazionale, nella speranza di portare una ventata di ossigeno in una realtà arroccata a luoghi comuni, nella quale non si favorisce la partecipazione dei cittadini alla vita politica e amministrativa. Purtroppo i partiti, ormai in crisi, non svolgono più il ruolo di aggregazione e di crescita culturale come in passato».

Il progetto, un percorso di formazione per la cittadinanza attiva, è stato concepito insieme ad altre realtà associative come il MeetUp di Beppe Grillo “Il Grillaio”, il Comitato Acquamura, l’Associazione Linkyouth, il Cineforum Rythmus e il Movimento civico Aria Fresca. È sostenuto dalla società COBAR (Costruzioni Barozzi).

Per comprendere l’attualità di Tommaso Fiore proprio sotto il profilo dei Beni Comuni e dell’impegno politico attivo, illuminante è l’introduzione scritta da D.M. Fazio al saggio Tommaso Fiore, Platone, Ione Protagora, Gorgia, nella quale emerge la concezione della politica dell’illustre meridionalista altamurano: «Fiore tra le righe della sua tesi, ha detto che la nuova politica deve avere come scopo la giustizia ed il miglioramento dei cittadini e non già il potere , il prestigio e l’arricchimento personale. E quando ha scritto che è lecito darsi alla vita pubblica solo dopo essersi impadroniti della retta filosofia, ha inteso dire che la nuova politica deve essere fondata sulla conoscenza, la più scientificamente esatta che sia possibile, sia delle condizioni nelle quali è chiamata ad operare, sia dei bisogni e delle aspirazioni di coloro in nome dei quali ambisce agire. Essa, dunque, non può mai ridursi a vuota oratoria, a comunicazione, come diremmo oggi, ma deve abbinare esatta conoscenza reale e capacità progettuale, concretezza e slancio utopico ideale».

«Tommaso Fiore – conclude il professor Dambrosio - ha speso tutta la vita per affermare un’idea nobile della politica, ancorata al perseguimento degli interessi generali. Nella sua breve esperienza di sindaco, con passione e determinazione, attuò provvedimenti che miravano a soddisfare i bisogni reali dei cittadini e a ridare lustro alla città di Altamura, dominata negli anni ’20 da gruppi di potere intenti a perseguire esclusivamente i propri interessi».

Il ciclo si concluderà il 13 febbraio con la presentazione del catalogo “Tommaso Fiore e Altamura, L’intellettuale, il politico, l’amministratore”, edito dal Circolo delle Formiche, frutto di un precedente progetto culturale”.

ASSOCIAZIONE CULTURALE “CIRCOLO DELLE FORMICHE”

Ufficio Stampa: Pasquale Dibenedetto (tel. 333 4225560)

DI SEGUITO TUTTE LE INFORMAZIONI UTILI SUL PROGRAMMA.

DATE, TEMI E RELATORI DEGLI INCONTRI IN PROGRAMMA

Tutti gli incontri si terranno alle 18.30 presso il Regina Margherita (Porta Matera).

Saranno disponibili in formato video e audio su www.tommasofiore.it

15 NOVEMBRE 2008

Francesco Gesualdi (Centro Nuovo Modello di Sviluppo) e Aniello De Padova (Consorzio Costellazione Apulia). Introduce Pasquale Dibenedetto (Circolo delle Formiche). Coordina Raffaele Difonzo (Gruppo d’Acquisto Solidale Chiacchiereffrutt).

Consumo consapevole, sobrietà e decrescita felice.

25 NOVEMBRE 2008

padre Alex Zanotelli e Michele Difonzo. Coordinano Carlo Colonna (Comitato Acquamura) e Michele Loporcaro (MeetUp di Beppe Grillo “il Grillaio”).

Acqua, un “affare” dei cittadini.

5 DICEMBRE 2008

Luigi Perrone (Professore di Sociologia delle migrazioni e delle culture - Università di Lecce), Dorothy L. Zinn (Antropologa - Associazione Tolbà di Matera). Introduce Mino Vicenti (Associazione Linkyouth). Coordina Gianluigi De Vito (Giornalista - La Gazzetta del Mezzogiorno).

(A)zioni plurali, democrazia e partecipazione nella società multiculturale.

12 DICEMBRE 2008

Maurizio Portaluri (Medicina Democratica) e Fernando D’Angelo (Cittadinanza Attiva Puglia). Introduce Michele Lospalluto (Sindacalista RdB). Coordina Giuliano Foschini (Giornalista - la Repubblica).

A trent’anni dalla riforma sanitaria: la salute è ancora un bene prezioso?

17 DICEMBRE 2008

Giovanni Impastato e Umberto Santino (Centro siciliano di documentazione Giuseppe Impastato), Fabio Dell’Olio (Giornalista - Associazione Libera). Coordina Giuseppe Dambrosio (Circolo delle Formiche).

Informazione e criminalità organizzata.

9 GENNAIO 2009

don Rocco Dambrosio (Docente di Filosofia Politica - Pontificia Università Gregoriana di Roma, Facoltà Teologica Pugliese di Molfetta) e Gaetano Piepoli (Professore Ordinario di Diritto Privato - Università di Bari). Coordina Stefano Boccardi (Giornalista - La Gazzetta del Mezzogiorno).

Il potere e le regole.

16 GENNAIO 2009

Michele Costantino (Professore Ordinario di Diritto Privato - Università di Bari) e Roberto Rossi (Magistrato - Tribunale di Bari).

Beni collettivi, beni pubblici, affari privati.

30 GENNAIO 2009

Tonino Perna (Professore di Sociologia Economica - Università di Messina) e Federico Pirro (Professore Associato di Scienze Storiche e Sociali - Università di Bari). Introduce Giacinto Fiore (Circolo delle Formiche). Coordina Vincenzo Rutigliano (Giornalista - Il Sole 24 Ore). Globalizzazione, mercato e persone.

GENNAIO 2009

Occidente liberale: etica, politica, economia.

Rassegna di film a cura di Luigi Abiusi, presso Cineforum Rythmus (vico Saverio Mercadante, di fronte Chiesa S. Nicola).

13 FEBBRAIO 2009

Presentazione del catalogo Tommaso Fiore e Altamura, L’intellettuale, il politico, l’amministratore. Intervengono: Vito Antonio Leuzzi, Tommaso Fiore, i curatori Giuseppe Dambrosio e Anna Gervasio. Coordina Pasquale Dibenedetto (Circolo delle Formiche).

*

INFORMAZIONI GENERALI SULL’INIZIATIVA

IDEAZIONE

Giuseppe Dambrosio, Ivan Commisso, Enzo Colonna, Pasquale Dibenedetto, Giacinto Fiore, Donato Pistone, Enza Rella, Antonio Staffieri

COORDINAMENTO

Giuseppe Dambrosio

UFFICIO STAMPA

Pasquale Dibenedetto

333.4225560

CONTATTI

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.tommasofiore.it

Tel. e fax 080.3141329

Tel. 349.8754486