Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

manifesto-mostra.jpg

La mostra organizzata dall’Associazione Culturale Il Circolo delle Formiche in collaborazione con l’IPSAIC (Istituto per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea), presenta alcuni momenti della vita e dell’attività di Tommaso Fiore.

Mostra documentaria
e fotografica a cura di
Giuseppe Dambrosio
Anna Gervasio
, ricercatrice IPSAIC

sponsor.jpg

 

Ideazione: Giuseppe Dambrosio, Anna Gervasio, ricercatrice IPSAIC, Pasquale Sardone

Consulenza scientifica: Vito Antonio Leuzzi, IPSAIC

Progetto grafico: Antonio Cornacchia

Ufficio stampa: Pasquale Dibenedetto

Coordinamento:  Enzo Colonna

Consulenza contabile: Donato Pistone

Segreteria della mostra: Link - European Growin’ people - Altamura



In collaborazione con

REGIONE PUGLIA, ASSESSORATO AL MEDITERRANEO SETTORE ATTIVITA’ CULTURALI

PROVINCIA DI BARI, ASSESSORATO ALLLA CULTURA

COMUNE DI ALTAMURA, ASSESSORATO ALLA CULTURA

A.B.M.C. ARCHIVIO BIBLIOTECA MUSEO CIVICO


COBAR SRL Costruzioni Barozzi

BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA


Patrocinio
PRESIDENTE  REGIONE PUGLIA, PRESIDENTE CONSIGLIO REGIONALE PUGLIA, PRESIDENTE PROVINCIA BARI, COMUNE DI ALTAMURA


Referenze fotografiche: Michele Difonzo, Giuseppe Pupillo, Giuseppe Dambrosio, IPSAIC

Fonti documentarie
Archivio Comune di Altamura
Archivio di Stato di Bari
Archivio IPSAIC Bari
Archivio Biblioteca Museo Civico Altamura
Biblioteca Nazionale
Sagarriga Visconti Volpi Bari
Archivio Acquedotto Pugliese Bari

Si ringraziano: gli enti pubblici e gli sponsor che hanno reso possibile la mostra; L’ABMC per il materiale librario e documentario messo a disposizione; Il Comune di Altamura per il materiale d’archivio gentilmente concesso; Gennaro Zubbo per le ricerche d’archivio comunale. La Biblioteca Nazionale Sagarriga Visconti Volpi Bari per la documentazione gentilmente concessa; Lucia Creanza per l’allestimento dei pannelli; Adriano Dambrosio per la rielaborazione fotografica delle fonti; Teresa Lorusso per la strumentazione tecnica; Ninì Marvulli per l’allestimento della mostra.