Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Un “cafone” in URSS

di Alberto Asor Rosa

Ai molti volumi dedicati all’URSS da viaggiatori italiani (scrittori, scienziati, giornalisti, o semplici turisti), se ne aggiunge ora uno di Tommaso Fiore, Al paese di Utopia (Leonardo da Vinci, Bari 1958), che si fa leggere con interesse e piacevolezza, per una sua qualità (che del resto è permanente nell’autore) di precisione e di gusto insieme. Tommaso Fiore non ha bisogno di presentazioni ai lettori di M.O. Un popolo di formiche e Un cafone all'inferno sono testi classici della nostra letteratura meridionalista, sono, vorremmo aggiungere, prove di forza di una intelligenza bene educata e soprattutto di una solida coscienza socialista.

Le ricordiamo, perché a nostro giudizio la novità e la validità di questa sua nuova opera non possono essere intese se si prescinde da ciò che Fiore è stato, da ciò che Fiore è nel quadro della problematica meridionalista. Il Fiore che guarda Mosca con occhi ingenui ma penetranti, con profonda umanità e ineguagliabile bonomia, ha portato con sé dalla sua terra infelice e tormentata le caratteristiche migliori che lo contraddistinguono: è l’uomo del Sud, che penetra con un’antica esperienza e un ardore sempre vivo, in quel mondo nuovo, che è l’URSS, e sa perciò apprezzarlo nei suoi aspetti positivi e ridimensionarlo in quelli negativi, con maggiore equilibrio forse di quello concesso ad uomini più superficiali, più politici o più letterati, e certo meno «umani», meno legati ai problemi della terra e del lavoro. Forse la più appropriata definizione di Fiore è quella che lo scrittore La Cava dà nel libro durante una conversazione: «Tu sei un poeta!» ...; si potrà cominciare proprio da questo spiraglio a capire che il libro non ha valore solo come «documento» (del resto validissimo), ma soprattutto come «interpretazione»: con quanto di poetico e quasi di rapsodico c’è sempre nelle interpretazioni del nostro scrittore. Ed è chiaro (non poteva essere altrimenti) che l’occhio del viaggiatore è fisso quasi sempre sui fatti umani, sugli individui, sui rapporti fra uomo e uomo, o, quando protagoniste sono le masse, sul significato liberatore - e quindi umanistico - che le loro manifestazioni possono avere. Assai bello, proprio a questo proposito, è il capitolo Mir i drusba (Pace e amicizia). Ma il libro non ha solo il pregio di narrare l’incontro di un uomo - di un socialista - con il mondo sovietico. Esso è assai più ricco di annotazioni umane, politiche, psicologiche e morali perché tale incontro avviene in circostanze particolarmente eccezionali: durante il Festival mondiale della Gioventù, svoltosi a Mosca nell’estate del 1957. Migliaia e migliaia di giovani, convenuti da ogni parte del globo; e fra essi centinaia e centinaia di italiani. Fiore ha modo perciò di cogliere i mille aspetti di questo incontro-scontro di civiltà, di gusti, di modi di pensare, di temperamenti; e non poche delle migliori pagine del libro sono dedicate alle reazioni suscitate dall’esperienza sovietica in questa massa di giovani. E molto spesso ci si accorge che lo sguardo dello scrittore non è meno acuto nei confronti degli ospitati che degli ospitanti. Magistrali, a esempio, le pagine dedicate agli italiani (giovani o no ...), alcune delle quali degne di entrare in un’ideale galleria di caratteri di nostri compatrioti. Gli aspetti politici, economici e sociali dell’URSS sono invece trattati in maniera più sfumata e secondaria: del resto, e l’occasione e la brevità relativa del soggiorno non potevano permettere un’analisi eccezionalmente approfondita in questa direzione. Non è da credere però che l’autore vi trascorra sopra con indifferenza: significativi sono gli sforzi da lui compiuti per tentare una chiarificazione reciproca sui fatti di Ungheria e sui problemi di socialismo e libertà anche se una certa ritrosia dei sovietici a impegnarsi su questioni troppo generali ha impedito che da tali conversazioni si potessero acquisire elementi diversi da quelli già noti.

 

«Mondo Operaio», anno XI n. 11-12, novembre-dicembre 1958, p. 63, nella rubrica Critica.